Chi siamo

Code per Curiosi è un’organizzazione no profit fondata da un gruppo di professionisti del settore della produzione di eventi artistici e culturali, ma anche artigiani, artisti, registi, musicisti e esperti del terzo settore.

Il nostro interesse è incentrato sull’apertura dei processi creativi alla cittadinanza, che per prossimità diventa sia il fruitore finale che l’immediato interlocutore dell’artista durante la fase di creazione dell’opera. Per questo motivo, parte della nostra attività sarà dedicata all’organizzazione di residenze artistiche che verranno offerte sia a chiamata diretta, sia tramite bando pubblico, selezionando progetti che favoriscano la contaminazione tra le comunità locali e le proposte artistiche, non necessariamente site-specific, ma sempre attente agli stimoli che possono giungere dal luogo che le ospita. 

Fondamentale nella nostra visione è il legame tra Arte, Natura e Cultura, con l’obiettivo di catalizzare le energie di una comunità che, attraverso progettualità e percorsi condivisi e attraverso lo sguardo degli artisti, trova nuovi modi di esprimere la propria identità.

La nostra azione è rivolta sia a luoghi prettamente rurali, che a luoghi periferici, peri-urbani, remoti, nei quali l’Arte e la Cultura possano innescare un cambio positivo in termini di coesione sociale e bene pubblico.

Fin dalla sua fondazione Code per Curiosi fa parte del network A.R.E.A., Arts in Rural European Areas, e di Not in my bed, reti di collaborazione dedicate a residenze artistiche nelle aree rurali e in spazi privati.

Alessandro Manzo aka DJ Karim

Karim è il nome di uno sconosciuto ragazzino, con tanto di madre e sorelle al seguito, incontrato su di un tram qualsiasi in un giorno qualsiasi. Anni dopo volendo proporre una djset che unisse stili diversi della Black music, x chi volesse semplicemente farsi rapire dal ritmo della musica blues e jazz, o farsi trascinare dalle sonorità funk, come dai beat della musica hip hop, tale nome è raffiorato dalla  memoria. Con tale progetto Dj Karim vuole esprimere il suo amore incondizionato per la Black music, perché davvero la musica makes the world a better place, and we need it!

Manuela Fulvia Micolano

L’esperienza maturata lavorando presso realtà del terzo settore, insieme alla mia formazione umanistica, hanno fatto di me una “Coda” per vocazione, nella più profonda convinzione che  Arte e Cultura, attraverso progetti condivisi, attivino nella società processi rigenerativi di riappropriazione dello spazio in cui si vive – territorio – e dello spazio della relazione con l’Altro.

Salpare, poi, con Anna Estdahl – amica di una vita, compagna di liceo, di banco e di Università – e il vascello di Code per Curiosi verso “luoghi” le cui mappe sono tutte da disegnare è un’avventura cui mai avrei potuto rinunciare!

“We were young, we were reckless, arrogant, silly, but we were right” A. Hoffman

Silvia Demofonti

Silvia Demofonti è una manager culturale italiana che vive a Bruxelles. Fa parte dei network IETM e AREA – Arts in Rural European Areas, e collabora con diverse organizzazioni culturali per pianificare, finanziare e realizzare progetti. Ha coordinato progetti di cooperazione nazionali e internazionali a favore dell’uguaglianza di genere e dei diritti e visibilità LGBTQIA+, e per le arti e la cultura nelle e dalle aree rurali/non urbane.

Andrea Battisti

Ho cominciato a lavorare presto, da ragazzino facendo la stagione in albergo come cameriere. Ho sempre preso sul serio il mio lavoro, anche ora che faccio il clown. Meno sul serio prendo la vita; un gioco con un’unica regola: “non smettere mai di giocare”.

Matteo Testino

Massimiliano Calvetti

Serena Vizzoni

Fernando Papi

Un po’uomo, un po’ ragazzo, Fernando Papi, detto Nando, é come Clark Kent, all’apparenza impiegato comunale, gli piace nel tempo libero notare particolari che nessuno noterebbe, raccogliere oggetti abbandonati dal mare sulla battigia della Versilia, fare collage con cui esprime la sua voce, che cerca di essere  sempre delicata. É con le “Code” perché non si tira mai indietro..  Ama cucinare piatti con l’ortica selvatica e vive con due gatti. Il suo motto é…..le possibilità sono infinite, basta pensarle e avere tre vite  Coerente responsabilità caotica!!!

Anna Estdahl


Anna Estdahl è una organizzatrice, produttrice, progettista attiva nelle arti performative (teatro, danza, nuovo circo, festival) sia in Italia che in Europa. Negli anni ha collaborato sia con artisti emergenti che con compagnie più affermate, e ha contribuito a tessere relazioni a livello internazionale tra festival affini per motivazione, vocazione e intenti. Ha collaborato a progetti selezionati per il programma di Valletta-Malta 2018-Capitale Europea della Cultura, e per Matera-Basilicata 2019- Capitale Europea della Cultura. E’ esperta di progetti di comunità che facilitino l’incontro tra i cittadini e gli artisti delle arti performative. Attualmente lavora a Collegno (TO), presso la Lavanderia a Vapore, centro di residenze artistiche legato alla danza contemporanea.